Cronache dal 2018

L’altro giorno, mentre stavo parcheggiando la moto, si avvicina uno. Ha il viso coperto da una maschera di Berlusconi. La porta fiero e mi fa un certo effetto vedere Silvio con le Adidas. Mi allunga una busta: “Sei il prescelto.”  Balbetto un “Grazie Morpheus, non posso fare il prescelto, mi dispiace, ho un bambino piccolo e domattina ho il compito in 5A, sa devono fare la maturità” e vorrei aggiungere altro ma le spalle di Berlusconi non mi vogliono ascoltare e se ne vanno via. Mentre salgo le scale penso un a un articolo sulle parole italiane che stanno scomparendo. Maledetto umanista che sei, penso.Con il casco in testa arrivo in sala. Fuori dalla finestra il campanile del duomo è mi guarda sempre dall’alto. E’ la rampa di lancio di noi tutti. Io lo guardo e lo riguardo ma da lì non decolla niente.

Infilo la mano e mi trovo una penna USB tipo Kingston avvolta in una carta da forno. Stendo la carta da forno e leggo: “Notizie dal futuro”.

Mi tolgo il casco, accendo il PC, infilo l’anonima penna e il computer macina, con quella pacata consapevolezza di chi ha tempo da perdere. Lui sa già che  il tempo non sarà mai tuo. Il tempo è solo di sé stesso, o al massimo non tuo ecco.

Un file WORD. WORD 2003. Un unico file WORD. Formato doc.

Apro l’unico file che si chiama L’UOMO DEL 2018_definitivo e leggo:

“La scoperta è di quelle incredibili, quelle che succedono inaspettate. Un gruppo di antropologi e storici dell’Università di Fuffuligno ci ha regalato uno sguardo incredibile sui nostri antenati del 2018.

I ricercatori dell’Università di Fuffuligno erano all’opera su un progetto dedicato allo studio su alcune tavole misteriose di cui abbiamo una foto

cucciolone-1024x535

I ricercatori a riguardo suppongono si tratti di un esemplare di tavole a tema legislativo. Sembra ipotizzabile che ve ne fossero molte altre in circolazione.

Dobbiamo però abbandonare l’argomento per dedicarci alla vera scoperta  fatta da i ricercatori fuffulignesi.

Gli accademici sono riusciti a entrare in un vecchio computer del 2018 e hanno avuto accesso a molte informazioni (soprattutto immagini) relative ai nostri antenati.

Dei nostri antenati non ci è rimasto molto dopo la distruzione del 2025 e pertanto queste informazioni sono molto utili per ricostruire la vita prima di quella data.

E’ difficile decifrare con certezza il contenuto del computer e proprio per questo gli accademici di Fuffuligno sono specializzati in molte discipline: dall’antropologia all’omeopatia, per arrivare alla risoterapia.

Dalle foto qui sotto sembra che i nostri antenati fossero ansiosi, addirittura turbati da alcuni dolci.

35330765_1890852214299657_1864646930433310720_n
45579965_1810694602393730_8887000420254220288_n

E’ di indubbia rilevanza anche la foto sottostante che conferma quanto la televisione avesse reso i nostri antenati molto passivi e inclini alla superficialità. Gli accademici stanno ancora studiando la parte finale dell’affermazione, dal momento che non è ancora chiaro il livello d’odio diffuso dalla televisione. Gli studiosi confidano di approntare una scala d’odio scientificamente efficace.

35270220_2055203924719163_4485567031084580864_n

La foto sotto è forse un unicum. Gli scienziati stanno vagliando diverse ipotesi per sondare il livello di vicinanza delle persone dell’epoca  con i propri leader politici. Se la foto sotto fosse confermata significherebbe che i nostri antenati avevano rapporti di vicinanza morbosa con i propri leader.

Risultati immagini per ossessione telefono

L’immagine qui sotto dimostra quanto fosse ancora in atto il processo di alfabetizzazione della popolazione e di come alcuni membri della società godessero di ruoli guida.

35391584_1597199157076610_416959767307616256_n

Il depauperamento linguistico appare evidente anche in questo esemplare dove questa immagine ci fa presupporre che i nostri antenati avessero limitato l’uso dell’alfabeto preferendovi immagini.

24269683361_42bebdb1b7_n

Sono le fotto qui sotto che però evidenziano in modo inequivocabile la violenza dell’epoca. Traspare da queste immagini come all’epoca l’aggressività e l’intolleranza fossero diffuse, spesso in concomitanza con difficoltà nell’espressione linguistica e nella sintassi.

img_7624
img_7047
img_7239
img_7789

L’analisi incrociata dei preziosi documenti lascia emergere una società dove quasi tutti erano bellissimi.

e4db497b-1e31-4c8b-8015-219499506ef3
images

Non mancava certo il senso dell’umorismo a quel tempo, almeno da quanto appare da questi documenti

45304132_2596652870561417_6105005692949626880_n
45449980_2389130931102163_7411561356010192896_n

Per quello che riguarda il rapporto con la scienza, a seguito della foto sottostante, si ipotizza che i nostri predecessori fossero ancora propensi a regolare le proprie diatribe con la magia piuttosto che con la scienza.

Per finire pubblichiamo le ultime immagini che sanciscono senza il minimo dubbio le gravi difficoltà di espressione dei nostri antenati, come si può intuire dai documenti precedenti.

emoticon2
fumetto-giulia
img_7295
scritte-sui-muri901
tumblr_p5j7fxf5ty1vadyj6o1_640

Tra i ritrovamenti c’è anche un video musicale che ha sorpreso non poco gli studiosi poiché dimostrerebbe un certo lirismo e una certo amore per la poesia tra i nostri antenati.

                                     estratto da “Studi antropologici e storici sull’uomo antropocentrico”,                                               L’egocentrismo dell’uomo antropocentroso

Inizio a ridere sbattendo il pugno sul frigorifero. Mi siedo e clicco sull’ultimo video e man mano che ascolto il video mi sento di nuovo bene e penso che potrei sedermi sul duomo e lanciarmi nello spazio, prima del 2025.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...