Che sia chiaro

“che sia chiaro. Che preferisco, che preferiamo mille volte avere i nostri studenti davanti, confrontarci, anche duramente, parlare, discutere, essere interrotti, intavolare un dibattito, buttare nel cestino la lezione preparata perché qualcuno si è lasciato sfuggire una parola sbagliata e non c’era il microfono spento a proteggerlo. Che preferisco, che preferiamo sgolarci e girare tra i banchi, e buttare l’occhio su di un foglio, dare un aiuto con uno sguardo, prestare una penna sapendo che non tornerà, cercare un fazzoletto per asciugare un pianto, andare a cercare uno che non torna dal bagno.”

Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/10/28/didattica-a-distanza-ho-aspettato-a-dire-la-mia-ma-e-come-lanno-scorso-orribile/5981608/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...